www.SchedeDiGeografia.net  
     
  Torna alla home page      Iscriviti alla nostra newsletter      Contattaci  
 
I fiumi dell'Europa
Le caratteristiche dei fiumi europei
 

 
Quali sono le principali caratteristiche dei fiumi europei? I fiumi europei sono:
  • molto numerosi;
  • generalmente poco lunghi;
  • con un bacino non molto ampio.

 

Perché i fiumi europei presentano queste caratteristiche? Il fatto che l'Europa abbia:
  • un'estensione modesta;
  • una forma allungata a penisola;

spiega il perché essa non abbia dei bacini idrografici molto estesi come avviene, invece, in altri continenti.

 

In Europa, dove scorrono i fiumi più lunghi? I fiumi più lunghi scorrono nell'Europa orientale soprattutto nel Bassopiano Sarmatico.

Nell'Europa occidentale, la notevole presenza di monti, fa sì che i corsi d'acqua siano più brevi.

 

Qual è il fiume europeo più lungo? Il fiume europeo più lungo è il Volga che scorre completamente nel territorio russo.

Lungo 3.531 km, il Volga nasce da Rialto del Valdai, attraversa il Bassopiano Sarmatico e riceve molti affluenti tra i quali il Kama, per poi tuffarsi nel Mar Caspio mediante un grande delta.

Il Volga è navigabile per più di 3.000 km. Nei mesi invernali, la presenza di ghiaccio non ne permette la navigazione nella zona più settentrionale, come accade per quasi tutti i fiumi dell'Europa nordorientale.

Attraverso una serie di canali, il fiume è collegato al Mar Baltico e, per mezzo del fiume Don, è collegato anche al Mar Nero. Per questo motivo, nonostante esso sfoci in una mare chiuso come il mar Caspio, ha una notevole importanza economica.

 

Come possiamo suddividere i fiumi europei? I fiumi europei possono essere suddivisi in tre grandi gruppi, a seconda del bacino nel quale gettano le proprie acque. Pertanto possiamo distinguere:
  • i fiumi del bacino Atlantico che comprendono quelli che si gettano nell'Oceano Atlantico e nei suoi bacini secondari (Mare del Nord, Mar Glaciale Artico, Mar Baltico);
  • i fiumi del bacino Mediterraneo, ovvero quei fiumi che si tuffano nel Mare Mediterraneo e nel Mar Nero;
  • i fiumi del bacino del Mar Caspio che si tuffano nell'omonimo mare.

 

I fiumi europei

 

Quali caratteristiche hanno, in genere, i fiumi del bacino Atlantico? I fiumi del bacino Atlantico attraversano zone geologicamente più antiche e, di conseguenza, con profili dolci e morbidi. Per questa ragione essi hanno scarse pendenze e trasportano pochi detriti

Il loro regime è piuttosto regolare dato che le precipitazioni hanno una distribuzione, nel tempo, abbastanza costante. Essi hanno periodi di massima in inverno, quando le precipitazioni sono maggiori e l'evaporazione è minore.

I fiumi del bacino del Mare Glaciale Artico, come la Dvina Occidentale, la Vistola e l'Oder, sono fiumi ampi e di grande portata, ma sono poco navigabili a causa del ghiaccio invernale e delle piene primaverili provocate dallo scioglimento delle nevi. Inoltre essi hanno una scarsa importanza dato che attraversano regioni piuttosto povere e poco popolate e sboccano in un mare che è coperto dal ghiaccio per gran parte dell'anno.

I fiumi del bacino del Mare del Nord situati nella pianura franco-germanica, invece, formano una rete di vie navigabili grazie alla presenza di canali che li collegano gli uni agli altri. Inoltre hanno un regime regolare e non sono bloccati dal ghiaccio. Essi sfociano nel mare mediante ampi estuari dove si trovano i principali porti europei.

I fiumi che sfociano nel Mar Baltico hanno la massima portata in primavera e in estate quando si ha lo scioglimento dei ghiacciai. La loro portata, ciò nonostante, è piuttosto costante. Sono fiumi lunghi e navigabili con foci ad estuario dove si trovano importanti porti.   

 

Quali sono i principali fiumi del bacino Atlantico? I principali fiumi del bacino Atlantico sono:
  • il Tago, alla cui foce si trova Lisbona;
  • il Duero, che sfocia a Oporto;
  • la Loira che ospita, nel suo estuario, i porti di Nantes e di Saint-Nazaire;
  • la Senna, che bagna Parigi e si tuffa nell'Oceano Atlantico in un ampio estuario dove si trova il porto di Le Havre;
  • il Weser che sfocia nel Mare del Nord e sul cui estuario sorge il porto di Brema;
  • il Reno, il fiume navigabile più importante dell'Europa occidentale. Esso nasce dal nodo del San Gottardo; attraversa la Svizzera, la Germania e i Paesi Bassi e sfocia nel Mar Nero dopo aver attraversato il Lago di Costanza. Su uno dei suoi bracci sorge il porto di Rotterdam. Grazie ad un canale artificiale che lo collega con il Danubio, forma un sistema di navigazione che unisce l'Europa occidentale con le regioni dell'Europa centro-orientale;
  • l'Elba che sfocia nel Mare del Nord. Sul suo ampio estuario sorge il porto di Amburgo;
  • il Tamigi, il principale fiume della Gran Bretagna, che sfocia anch'esso nel Mare del Nord e che nel suo estuario accoglie il porto di Londra;
  • l'Oder.

 

Quali caratteristiche hanno, in genere, i fiumi del bacino Mediterraneo? I fiumi del bacino Mediterraneo hanno generalmente le proprie sorgenti in catene montuose che non sono molto distanti dal mare: per questo non siano particolarmente lunghi.

La vicinanza al mare e la forte pendenza, spiega il loro regime caratterizzato da notevoli variazioni di portata, con periodi di piena in primavera e in inverno e periodi di magra in estate. Un'eccezione a questa regola è data dal Po e dal Rodano che, grazie ai ghiacciai alpini che li alimentano, hanno un regime più regolare.

La foce dei fiumi di tale bacino è, in genere, a delta a causa dei depositi alluvionali che le modeste maree del Mediterraneo non riescono a portare via, a differenza di ciò che accade nell'Oceano Atlantico: ciò ne rende più difficile la navigazione e la costruzione di porti.

Questi fiumi sono, in genere, usati soprattutto per l'irrigazione e per la produzione di energia elettrica.

 

Quali sono i principali fiumi del bacino Mediterraneo? I principali fiumi del bacino Mediterraneo sono:
  • l'Ebro che scorre nella Pianura Aragonese e sfocia a sud di Barcellona;
  • il Rodano che nasce dalle gole del San Gottardo, attraversa il lago di Ginevra, bagna Lione si si getta in mare con una ampio delta nei pressi di Marsiglia;
  • il Po, che nasce dal Monviso e si getta nel mare Adriatico;
  • il Danubio che nasce nella Selva Nera e dopo aver attraversato molti Stati sfocia nel Mar Nero con un grande delta;
  • il Dnepr, che sbocca presso Odessa sul Mar Nero;
  • il Don, che sfocia nel Mare di Azov.

 

Quali sono i principali fiumi del bacino del Mar Caspio? I principali fiumi del bacino del Mar Caspio sono:
  • il Volga;
  • l'Ural.

 

Quale importanza hanno avuto e hanno ancora oggi i fiumi in Europa? I fiumi, in Europa, hanno avuto, ed hanno ancora oggi, una grande importanza nell'economia, sia per l'irrigazione dei cambi, ma anche per gli usi industriali e la produzione di energia elettrica

Essi, inoltre, hanno sempre favorito i traffici commerciali

Indice argomenti sull'Europa

 

 

Paesaggi geografici

Cartografia - tabelle e grafici

Clima

Orientarsi nello spazio

Geografia

Geografia astronomica: Terra - Luna - Sole - pianeti - stelle

Geografia economica

Italia: Italia in generale - Italia fisica - Italia politica - Italia economica - regioni italiane - statistiche e tabelle - curiosità - cartine - 

Europa: Europa in generale - Europa fisica

 

 

 

www.LezioniDiMatematica.net


 
www.StoriaFacile.net

 
www.EconomiAziendale.net

 
www.DirittoEconomia

 
www.LeMieScienze.net

 
www.MarchegianiOnLine.net

Questo sito viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della L. n.62 del 07.03.2001.

Il materiale presente sul sito non può essere riprodotto senza esplicito consenso dell'autore.

Discaimer-Privacy

Partita IVA: 02136250681